CERCA

MENU

CHIUDI
Stagione 2010 - Serale
dall’8 al 18 luglio ore 21.15; 10 e 11 luglio ore 22.30 (lunedì riposo)

I due gentiluomini di Verona

Regia di Francesco Sala

Produzione:

Politeama Srl
E’ probabilmente la prima commedia scritta da Shakespeare (1593) e narra le vicende amorose diValentino e Proteo, amici di infanzia. Due amici che crescono assieme, si imitano, copiano l’uno ilmodo di fare dell’altro. Ma Eros non può essere condiviso pienamente neanche tra migliori amici edancora una volta è fonte di peripezie, equivoci, tradimenti, travestimenti, risentimenti. Il gioco dilinguaggio adoperato da Vincenzo Cerami nella sua traduzione, restituisce al testo, seppur nellasua immed...
E’ probabilmente la prima commedia scritta da Shakespeare (1593) e narra le vicende amorose diValentino e Proteo, amici di infanzia. Due amici che crescono assieme, si imitano, copiano l’uno ilmodo di fare dell’altro. Ma Eros non può essere condiviso pienamente neanche tra migliori amici edancora una volta è fonte di peripezie, equivoci, tradimenti, travestimenti, risentimenti. Il gioco dilinguaggio adoperato da Vincenzo Cerami nella sua traduzione, restituisce al testo, seppur nellasua immediatezza, tutti gli aspetti meta-letterari di Shakespeare, rischiara le ambiguità, i sottintesi,i “puns” verbali e rende giustizia anche alla comicità e alla chiarezza dei personaggi dei servi.La scena e i costumi di Silvia Polidori richiamano l’antico ideale elisabettiano di una Natura Madrebenevola, che assieme alle tradizionali metafore di origine medievale, permettono una rivisitazionecreativa dei luoghi comuni della cultura italiana percepita da Shakespeare. In questa commediagiovanile, si mescolano vorticosamente amore, amicizia, denaro e potere, si sovvertonoallegramente le gerarchie servo-padrone, si ribaltano le identità per mezzo di travestimenti. Laforesta popolata da ingenui banditi, nel pieno spirito pastorale, paleserà il lieto fine: conversione,perdono e promesse di riconciliazione con il mondo e con se stessi. 

Francesco Sala 

Le due serenate di Proteo, una dedicata a Giulia l’altra dedicata a Silvia, hanno la stessa musica:cambia solo il nome della dedicataria, ghiotta occasione per un compositore. L’occasione pergiocare teatralmente con una partitura che sia insieme lirica e ironica, una musica che cantidrammi d’amore senza prendersi sul serio. Come fa Shakespeare nelle commedie, a livelliinarrivabili. 

Nicola Piovani 

SULLA VERSIONE ITALIANA DE I DUE GENTILUOMINI DI VERONACome si sa le commedie si nutrono di molta extratestualità, di giochi linguistici e modi di dire, diriferimenti all’attualità e ai miti di un’epoca, di vezzi e difetti ridicolizzati dall’autore.Leggendo il testo originale de I due gentiluomini di Verona si intuisce perfettamente che moltidialoghi e monologhi del copione, nel secolo di Shakespeare, erano di esilarante divertimento.Comicità di situazione, gag, repertori caricaturali, per essere restituiti oggi con una certaattendibilità chiedono al traduttore di tradire la lettera per rimanere fedele allo spirito dell’opera.Chiedo quindi venia ai filologi se mi sono concesso qualche libertà. 

Vincenzo Cerami
Leggi tutto

Cast

Antonio:
Nicola D’Eramo
Lanciotto:
Pietro De Silva
Proteo:
Gianluca Guidi
Valentino:
Giampiero Ingrassia
Duca di Milano:
Ugo Maria Morosi
Turio:
Claudio Pallottini
Silvia:
Loredana Piedimonte
Giulia:
Viola Pornaro
Fulmine:
Raffaele Proietti
Ursula:
Giulia Rupi
Pantino-oste:
Alessio Sardelli
Lucetta:
Jessica Ugatti
Bandito:
Simone Fantozzi
Bandito:
Lucia Cristofaro
Marcos Madrigal:
Alice Warshaw:
Sara D’Ippolito:

 

Regia:
Francesco Sala
Traduzione e adattamento:
Vincenzo Cerami
Musiche:
Nicola Piovani
Scene e costumi:
Silvia Polidori
Coreografia:
Paola Maffioletti
Aiuto regista:
Norma Martelli
Assistente musicale:
Alessio Mancini
Assistente alla regia:
Maria Castelletto
Assistente costumi:
Manuela Velardo
Assistente scena:
Ilaria Carannante
Maschere:
Davide Bracci
Realizzazione scena:
Andrea Morleschi
due-gentiluomini-013-013__w960
due-gentiluomini-013-019-1024x682__w960
due-gentiluomini-013-021-1024x682__w960
due-gentiluomini-013-027-1024x682__w960
due-gentiluomini-013-028__w960
due-gentiluomini-013-029__w960
due-gentiluomini-013-035__w960
due-gentiluomini-013-037__w960
due-gentiluomini-013-038-1024x548__w960
due-gentiluomini-013-041-1024x682__w960